VittCaltabiano's Weblog

Il blog di Vittorio Caltabiano

Archive for giugno 2009

Martina in Sicilia.

Posted by vittcaltabiano su 24 giugno 2009

Martina in Sicilia-La piccola Martina è in vacanza in Sicilia, nella terra dei nonni Vitt e Lucia.

Cresce bene, 1 mese e mezzo: controllata dal mio amico pediatra, Rito, pesa già 4 chili e 40 grammi, ed è alta 56 cm.!!!

E’ stata già conosciuta dagli zii nella casetta nel bosco a Milo e dagli amici dei nonni  in un gelato  party  pomeridiano al  Bistrò del Porto di Riposto.

Le foto su http://www.flickr.com/photos/vitt/sets/72157620446074246/.

Annunci

Posted in Senza Categoria | Leave a Comment »

Si torna a casa….

Posted by vittcaltabiano su 15 giugno 2009

italia..--

Si ritorna a casa, con Paola e la piccola Martina che oggi fa il suo primo volo: viene a conoscere la terra degli avi e dei genitori. Ciao Sicilia bedda, a presto.

Posted in Senza Categoria | Leave a Comment »

Martina compie 1 mese!

Posted by vittcaltabiano su 8 giugno 2009

Martina 1 mese

Martina compie 1 mese .

Sta crescendo bene e le piace molto il latte della mamma ! Tre giorni fa pesava Kg.3,630:  Auguri  piccolina.

Milano 8 giugno 2009.

http://farm4.static.flickr.com/3390/3606677709_ff11a23227_o.jpg

Posted in Senza Categoria | 1 Comment »

La Festa dei Carabinieri a Milano (5 Giugno 2009).

Posted by vittcaltabiano su 6 giugno 2009

IMG_6321-1Stavo andando a vedere la mostra delle Ninfee di Monet a Palazzo Reale, quando passando da Piazza Duomo mi son trovato  in mezzo a tanta folla e tanti Carabinieri nelle più svariate uniformi.

Si stava svolgendo la festa del 195esimo anniversario della Fondazione dell’Arma  dei Carabinieri.

Nel palco tante autorità ed  il ministro della Difesa, Ignazio La Russa nonchè il presidente della Regione Lombardia, Roberto Formigoni. Foto ricordo  e via al Palazzo Reale a vedere Monet !

IMG_6314-1

IMG_6315-1IMG_6313-1

Posted in Senza Categoria | Leave a Comment »

Terra, terra, …Lucia ..arrivati semu!!!

Posted by vittcaltabiano su 5 giugno 2009

Mi sembrava di essere un novello Cristoforo , U Colombo, quando  da una sua caravella, la Pinta, si levò il  famoso grido …terra…terra!!!caravel

Anch’io, come lui,partivo da Genova, la Superba, dal Porto Antico, ma per un’altra destinazione e a bordo di una motonave attrezzata per escursioni :  la mia era un’altra meta: non una ma cinque,le Cinque Terre.

Giorni prima a Milano avevo esplorato con il mio nuovo Aspire One, regalo di mio figlio, via internette, la località e pensai che poteva andare bene per festeggiare  il 42° anniversario di nozze .

Una piccola crociera di una giornata con navigazione nella riviera di Levante, oltre il golfo del Tigullio, per sbarcare alle Cinque Terre, a Monterosso al Mare:  sosta di tre ore con rientro a  Genova nel tardo pomeriggio:ottimo programma: miii che  bella sorpresa ca ci fazzu a mia moglie! Sempre via  internet mi prenoto lhotello, vicino al porto. E pure l’escursione. Fatta è, si parte; e così fu. Lucia contentissima !!!

Il giorno prima, il 30 di Maggio , di matina presto, andiamo alla stazione di Milano Rogoredo per prendere il treno; e chi fu’, una folla enorme, a stento siamo saliti sul treno per scendere dopo poco perché per la troppo folla non partiva ; dopo tanta attesa ci annunciarono che in via eccezionale un treno intersiti si sarebbe fermato per far salire un po’ di passeggeri senza pagare differenze : e così fù e finalmente partimmo.

Qualcosa stava andando storto….mma..!!!  A Genova un sole ed un caldo che non vi dico, l’albergo ottimo, uno della catena Best Western :boni semu.

Ma il 31 , di matina, apruta la finestra della 304, fora tuttu bagnatu era. E che è successo Lucia! A cu ciu dicisti…..cca ci sunu i cucchi, ci scummettu ca ci sunu  viramente., ma nuatri ni …..nni …fregamu: iamuninni.

E così fatto il biglietto ci imbarchiamo sulla motonave, dal porto antico: acqua, ventu, e mari : amuninni, mannaggia i cucchi, ma possibile che arrivano fin qui? Ma chi ssu, lombardi o siculi ? Bohhhh emu avanti…..

E così dopo un po’ di ore di sballamento , anchi’io lanciai  il mio terra… terra..!!!Eravamo  finalmente arrivati alle tanto sospirate Cinque Terre, sbarcando nel porticciolo di Monterosso al Mare. Non pioveva più: forse la cuccheria si era esaurita…DSC00296.

Tre ore di sosta ,prima della partenza della motonave per il rientro a Genova.

Cominciammo a girare per le stradine del paese, entrando ed uscendo dai negozietti pieni di suveniri , quando ci accorgemmo che tutta la gente che c’era prima era quasi scomparsa. E chi fu’??? Spareru? Un colpu d’occhiu e vettimu ca  tutti i bar, i ristoranti e le trattorie erano pieni di personi. assittati e comodi.

Uè , Lucia  è l’ura di mangiari; circamuni  ‘n postu.

Un bar trattoria aveva il menù esposto davanti e assieme alle pizze e spaghetti c’eranu macari angiovi liguri: boni’ !!!nfarinati e fritti. Un posto non c’era ma  a cammerera  ni disssi che potevamo assittarci vicino ad una coppia in un tavolo a quattro: beni ci stà.  Cosa desiderate? Ni dissi a cammarera :  all’unisono tutti e due , assittati vicinu a due francesi: due pietanze di acciughine infarinate e fritte!grazie.

Mi dispiace , arrispunniu a cammarera, le acciughe sono finite : e chi fu?, na cutiddata ni la panza. Ci guardammo negli occhi ,io , Lucia , a cammarera e i francisi: un ghiaccio ed un baleno : assemi ni susemmu e salutannu  ni niscemmu.

E ora ?

Nenti , circamuni nautru.

E furiannu furiannu trasemu in un altro locale: na signura ni veni incontro e dici quanti siete? Due , signora, solo due; seguitemi, e nuatri arreri a issa. ‘N tavulino nicu nicu, cu ddu seggi stritti stritti: ci sta bene, signora.

Ci dà il menù : l’antipasti, i primi , i secunni: e chi fù un lampu: ci sunu l’angiovi ‘nfarinati e fritti e con i calamaritti, pure issi ‘nfarinati  e fritti !!! Ni vardamu  na l’occhi, iu e Lucia, e assemi vardamu a signura : due porzioni ci sono? Certo, arrispunniu ,e di vino?, bianco o rosso? Bianco, bianco della casa. Fatta è, finalmente si mangia!!!

Pani e vinu iancu da casa: una delizia, una dolcezza.

Dopo ‘na mezzurata, arriva ‘n cammareri cu du piatti e ni proi sul tavolo  due porzioni abbondanti di angiovi nichi e ‘rossi ammenzu a tanti calamaritti, nichi nichi, e tutti infarinati e fritti ,e di latu un pizzuddu di limone.

Miii, meglio di un pranzu principescu, cu ddi gocci di lumia saliati a casu, ca ni esaltava il gusto! Meglio non ni poteva capitari: il pranzo desideratu per il nostro anniversario!

Un piatto che non fineva mai : ed ogni bucconi , un piaciri enormi: io usai le mani e le acciughe mi mangiai a urganettu e i nichi  cu tutti i reschi; e non vi dicu di calamaretti; planton per la mia bocca, comu ‘na balena, e u vinu friscu e frizzantinu ci stava ‘na meraviglia. Na ‘nzalata mista e tutto è fattu.

Videvu ca Lucia godeva comu a mmia ; mizzica cchi sunu bboni; ca ciamu a turnari , ni 5 terri, a monterroso a mmari.

Pagai il conto e niscennu salutai a siggnura e mi purtai u biglittinu du locali , pi arriurdarmulu, e , vu  lu raccumannu : vu riportu cca , itici :u ristoranti si chiama  Al Carugio, www.ristorantealcarugio.cominterne_01

Posted in Senza Categoria | 1 Comment »